Subentro luce: tutto quello che devi sapere

Chiama per richiedere il subentro luce

Chiamata gratuita - Lunedì a venerdi - dalle 8:30 alle 19:00

Chiamaci subito!

Manuale di istruzioni

Sommario Il subentro è l’operazione che ti permette di avere l’elettricità nella tua abitazione grazie alla sottoscrizione di un contratto e all’attivazione del tuo contatore luce. Ti basterà un massimo di 7 giorni lavorativi per avere la luce in casa tua!

Come fare e quanto costa un subentro luce?

Stai per entrare nella tua nuova casa ma non c’è la corrente elettrica? Significa che dovrai fare un subentro luce perché il precedente inquilino ha chiuso le utenze e il contatore non è più attivo.

Differenza fra voltura e subentro

  • SUBENTRO. Il contatore non è piú attivo e per riattivarlo bisogna sottoscrivere un nuovo contratto per la fornitura di energia elettrica
  • VOLTURA. Se invece l’utenza del proprietario precedente è ancora attiva, dovrai effettuare la voltura luce, cioè il cambio d’intestatario sulla bolletta.

In linea generale, costi per effettuare il subentro dipendono dalla tipologia di mercato a cui appartiene il cliente.

MERCATO TUTELATO

  • 27,50 euro per gli oneri amministrativi
  • 23 euro per il contributo fisso
  • 16 euro per l’imposta di bollo sul nuovo contratto

MERCATO LIBERO 

Il mercato libero ha un analogo onere amministrativo a cui si sommano i costi a seconda del contratto sottoscritto tra le parti che possono variare da 20 euro a 60.

Cosa ti serve per fare il subentro?

  • Codice POD
  • Potenza Kw
  • Destinazione d’uso
  • Dati dell’intestatario (documento d’identità, codice fiscale, mail, indirizzo di residenza)

Subentro luce o voltura? Come faccio a sapere cosa devo fare

Semplice, basta provare ad alzare la leva del contatore, se non resta su, allora non hai l’elettricità e dovrai contattare un fornitore a tua scelta tra Enel, Eni, Iren, a2a, Sorgenia, Edison, Engie, eon, per attivare un nuovo contratto. Tempo qualche giorno, la luce sarà di nuovo in casa.

Come si fa il subentro luce e cosa serve

Se hai acquistato un appartamento o se sei in affitto oppure hai un negozio in locazione, la procedura da seguire è sempre la stessa: ecco le informazioni e i documenti richiesti per l’allaccio della corrente elettrica a tuo nome.

Documenti personali

Innanzitutto per quanto riguarda i dati anagrafici devi fornire:

  • carta d’identità
  • codice fiscale o partita Iva
  • residenza
  • numero di telefono
  • e-mail e indirizzo a cui ricevere le bollette
  • coordinate bancarie per la domiciliazione delle bollette

Dati per la fornitura d’energia

È necessario comunicare all’ente erogatore alcuni dati per la fornitura elettrica relativi al contatore:

  1. codice pod, ossia l’identificativo del contatore (assegnato all’utenza al momento dell’allacciamento) si trova sul cartellino attaccato al contatore luce oppure sulle bollette del precedente intestatario.
  2. senza pod, in alternativa si può comunicare il codice cliente, un codice di nove cifre che si trova sul display del contatore.
  3. Potenza desiderata in kw, se non è precisata il contatore sarà riattivato con la stessa potenza che aveva prima di essere chiuso, altrimenti si può scegliere se aumentarla o ridurla.
  4. destinazione d’uso, se domestica o per usi diversi dall’abitazione.

Documenti relativi all’immobile

Non bisogna dimenticare di raccogliere la documentazione riguardante la casa per cui si chiede l’allaccio della luce:

  • titolo abitativo, per contratti ad uso domestico occorre presentare un documento che attesti il diritto ad occupare l’immobile per il quale si richiede la fornitura di energia, che sia luce o gas, vale anche un’autocertificazione.

Infatti, l’articolo 5 del decreto legge del 28 marzo 2014, n. 47 (Lotta all’occupazione abusiva di immobili) pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale precisa che:

chiunque occupa abusivamente un immobile senza titolo non può chiedere la residenza né l’allacciamento a pubblici servizi in relazione all’immobile medesimo e gli atti emessi in violazione di tale divieto sono nulli a tutti gli effetti di legge”.

La normativa è stata poi convertita nella Legge 80/14, cosiddetta Piano Casa.

  • dati catastali, la finanziaria 2005, legge 30/12/2004 n.311 obbliga tutte le società di erogazione energia, luce e gas, acqua, a richiedere i dati catastali identificativi di un immobile e a trasmetterli all’anagrafe tributaria. La disposizione vale sia per i proprietari sia per gli inquilini in locazione.

Come sottoscrivere un contratto luce

Ci sono diversi modi per sottoscrivere un contratto per avere la luce che dipendono dalla società fornitrice del servizio energia:

  • Registrazione telefonica: non c’è bisogno di firmare un contratto cartaceo, perché la telefonata è registrata a conferma dei dati raccolti.
  • Contratto inviato via e-mail: occorre stampare il contratto, firmarlo in tutte le pagine e poi spedirlo alla società di fornitura.
  • Contratto elettronico: si può firmare il contratto con un password identificativa inviata dalla società via mail.

Vuoi richiedere il tuo subentro luce?

02 94 75 67 37

Manuale di istruzioni

I tempi di subentro luce

Per effettuare un subentro i tempi sono abbastanza veloci. L’Autorità di regolazione per energia Reti e Ambiente, Arera, ha stabilito un tempo massimo di 7 giorni per l’attivazione di un contratto dalla richiesta trasmessa dal cliente al fornitore.

  • Due giorni affinché il fornitore passi la richiesta al distributore.
  • Cinque giorni a disposizione del distributore per attivare il contatore.

In caso di ritardo, c’è un risarcimento per il cliente che attende oltre i tempi previsti per il subentro luce35 euro se l’attivazione avviene nel doppio del tempo, 70 euro se il ritardo triplica e 105 euro per ritardi ancora superiori.
Il consiglio è di anticipare la richiesta a qualche settimana prima di trasferirsi definitivamente nella nuova abitazione, in modo da non trovarsi in casa senza luce.

 

Maggior tutela e libero mercato, le differenze

mercato tutelato o liberoOggi con la liberalizzazione del mercato, le offerte si rincorrono e i prezzi sono sempre più competitivi. Destreggiarsi tra le tariffe più convenienti non è dunque così scontato. La sostanziale possibilità di scelta è tra il servizio a maggior tutela e il libero mercato, anche se l’ultimo Milleproroghe farà scattare la fine delle tutele a gennaio 2022 quando ci sarà il definitivo passaggio dalla maggior tutela al mercato libero per le bollette di luce e gas.

È bene chiarire la differenza tra i servizi, la maggior tutela garantisce al consumatore l’energia a condizioni economiche e contrattuali fissate dall’Arera, quindi la tariffa finale pagata dall’utente varia a seconda delle fluttuazioni del mercato all’ingrosso.

Nel mercato libero invece le tariffe non sono agganciate a quelle stabilite dall’Autorità e quindi si può scegliere l’offerta migliore, più in linea con le proprie esigenze. I fornitori, in questo caso, propongono prezzi bloccati per un dato periodo di tempo. Costi che risultano più convenienti per il consumatore finale se le tariffe Arera tendono al rialzo oppure possono rappresentare uno svantaggio in caso opposto.

Ad ogni modo chi non avrà scelto il fornitore entro gennaio 2022 non resterà senza luce o gas: scatterà il piano ““salvaguardia””.

Come variano le tariffe

Quando si stipula un contratto è importante sapere che le tariffe luce variano *a seconda delle fasce orarie. L’energia elettrica ha un prezzo diverso a seconda del momento in cui la si utilizza: costa *di più durante il giorno e meno la sera o nei giorni festivi. Le sigle per capirlo sono:

  • F1 per le ore di punta: dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 19.00, escluse festività nazionali.
  • F2 per le ore intermedie: dal lunedì al venerdì, dalle 7.00 alle 8.00 e dalle 19.00 alle 23.00, sabato dalle 7.00 alle 23.00, escluse festività nazionali.
  • F3 per le ore fuori punta: dal lunedì al sabato dalle 23.00 alle 7.00 e la domenica e i festivi tutta la giornata.
  • F23 comprende tutte le ore incluse nelle fasce F2 e F3 nell’uso domestico.
  • F0 è la fascia monoraria, il prezzo è invariato per tutte le ore del giorno e per tutti i giorni della settimana.

Chiama per il tuo subentro luce

Manuale di istruzioni

Redactor

Written by Giulia

Aggiornato su 24 Giu, 2020

Commenti

star star star star star

Per saperne di più sul nostro processo di controllo e pubblicazione delle valutazioni