Energia elettrica seconda casa: le migliori offerte luce gas

Vuoi risparmiare sulla bolletta della seconda casa?

Chiamata gratuita - Lunedì a venerdi - dalle 8:30 alle 19:00

Fatti consigliare la tariffa adatta a te contattando i nostri esperti.

Manuale di istruzioni

Sommario Avere una seconda rappresenta un gran vantaggio. Eppure, i costi possono risultare alti, soprattutto quelli di luce e gas. In questa guida scopri quali sono le migliori tariffe luce e gas per le seconde case, confronta i prezzi e scegli l’offerta che meglio risponde e soddisfa alle tue necessità di consumo.

Le migliori offerte dell’energia elettrica e gas per la seconda casa vengono ricercate da chi decide di investire sull’acquisto di una seconda casa, che mette in conto quindi di avere la possibilità di risparmiare sulla fornitura di energia. Visti i consumi ridotti legati ad essa, conviene sicuramente informarsi per scegliere le offerte luce e gas migliori.

Che la seconda casa sia al mare o in montagna, il problema delle utenze riguarda tutti allo stesso modo. I costi di energia elettrica sulla seconda casa risultano più alti rispetto a quelli che troviamo sulla bolletta luce in prima casa. Questo avviene anche a parità di consumi elettrici. 

Ricordiamo che per la seconda casa, la fornitura di gas rimane invariata sia per gli utenti residenti che non, per cui non vi sono distinzioni tariffarie.

La tariffazione del gas avviene infatti su base geografica, in suddivisione delle sei fasce climatiche spalmate nella penisola italiana.

La nuova tariffa TD per la seconda casa

A partire dal 1 gennaio 2017, l’Autorità di Regolazione per Energia Reti e Ambiente (ARERA), ha introdotto nella distribuzione per i servizi di rete, una nuova tariffa TD, sostituendo di fatto le tariffe D2 e D3, che prevede per trasporto e gestione del contatore un corrispettivo uguale per tutti gli utenti. La distinzione tra residenti e non residenti rimane invece per gli oneri di sistema: se per i primi sono applicati in quota energia, per i secondi sono addebitati in quota fissa e quota energia.

Le utenze domestiche seconda casa sono classificabili come utenze non residenti, che figurano nella bolletta in maniera diversa: per la luce, infatti, vi è una tariffa mirata agli utenti non residenti denominata tariffa TDNR che vede aumentare i costi fissi in fattura, mentre per il gas valgono le stesse tariffe contrattuali dei residenti sullo stesso territorio.

Le utenze di luce e gas si possono sospendere temporaneamente?

offerte seconda casaPer risparmiare, si potrebbe pensare di sospendere temporaneamente la fornitura di energia elettrica per la seconda casa. Tuttavia, nonostante vi ci si rechi pochi mesi l’anno, non è in alcun modo praticabile. Non è possibile sospendere in modo temporaneo le attività dei contatori.

Una soluzione alternativa sarebbe staccare di volta in volta la fornitura energetica all’interno della seconda casa. La conseguenza è che ogni volta ci si dovrebbe addossare dei costi della chiusura e della riattivazione della fornitura di energia.

Come risparmiare energia elettrica seconda casa

Prima di poter scegliere il gestore di energia elettrica più conveniente per la seconda casa è bene precisare alcune linee guida che si possono adottare:

  1. confrontare le tariffe di energia elettrica per la seconda casa che si distinguono in tariffa monoraria e bioraria, in cui si applica un’attenta analisi della bolletta per constatare in quale fascia oraria i consumi risultano più elevati.
  2. ricercare il miglior contratto per la fornitura di energia elettrica per la seconda casa con offerte che applichino sconti sulle quote fisse in bolletta.
  3. ridurre la potenza del contatore per quanto possibile, così da massimizzare il risparmio sul costo kWh dell’energia elettrica per la seconda casa.
  4. scegliere la forma di pagamento tramite addebito diretto: assenza di commissioni di pagamento, nessuna scadenza per il pagamento che verrà addebitato automaticamente per intero nel giorno esatto stabilito, nessun obbligo di inviare ricevute dei pagamenti delle bollette.
  5. adottare una classe energetica adeguata per i propri elettrodomestici (ad esempio quelli di classe A++ e A+++) per ottenere considerevoli miglioramenti nel consumo, comportando ad un maggior risparmio.
  6. installare se possibile impianti fotovoltaici e pannelli solari termici per il riscaldamento dell’acqua.
  7. il risparmio energetico può essere attuato anche con l’isolamento termico delle abitazioni tramite interventi di riqualificazione energetica degli edifici così come con interventi di manutenzione della caldaia. Effettuare interventi di riqualificazione e di efficienza energetica permette inoltre di godere di specifiche agevolazioni fiscali che vanno sotto il nome di Ecobonus.
  8. limitare per quanto possibile gli sprechi e installare lampade LED oltre agli elettrodomestici a basso consumo energetico.
  9. controllare periodicamente i consumi effettivi tramite l’autolettura periodica. In questo modo si ha maggiore sicurezza di quanto bisogna pagare e di quanto si stia consumando. In caso si verifichino incongruenze si potrà farlo presente all’ente per richiedere un rimborso o ricalcolo.  

Le principali offerte luce e gas per la seconda casa nel libero mercato.

Grazie al libero mercato, abbiamo la possibilità di poter scegliere fra diverse tariffe per la fornitura di luce e gas per la seconda casa. Le varie tipologie di contratto consentono di poter verificare quale si sposa meglio ai nostri consumi abitudinari, confrontando tra loro il rapporto risparmio energetico/efficienza energetica.

Il punto di forza del mercato libero è che il cambio fornitore di energia non comporta nessun costo aggiuntivo. L’ ARERA infatti garantisce la continuità del servizio per tutto il periodo della transizione, senza intervenire sul contatore.

Il prezzo luce del mercato libero cambia da fornitore a fornitore e fino al 2022 gli utenti potranno scegliere tra le tariffe luce nel mercato libero e abbandonare il mercato tutelato che comunque, da tale data, andrà a cessare.

Di seguito proponiamo alcune tariffe vantaggiose per gli utenti che possiedono una seconda casa:

Offerte luce seconda casa

Fra le offerte luce per la seconda casa vi presentiamo una breve panoramica presente sul mercato:

  • E-Light Bioraria di Enel Energia: il prezzo della componente energia è più basso nei weekend (compresi i festivi) e dalle ore 19 alle 8 nei giorni feriali e, inoltre, è bloccato per 12 mesi dalla data di attivazione della fornitura.
  • Link Basic Luce di Eni: il prezzo viene bloccato per un anno, scontandolo del 10% il primo, scegliendo tra tariffa monoraria e bioraria che in entrambi i casi fornisce energia proveniente interamente da fonti rinnovabili e ti consente di attivare la bolletta web e la domiciliazione bancaria.
  • LuceClick di E.ON: prezzo bloccato per un anno con attivazione e gestione della fornitura solo online con possibilità di sconti se si invitano altri utenti a usufruirsene.
  • Welcome di Hera: prezzo bloccato per 12 mesi con bonus luce sui primi 200 kWh, gestendone i suoi consumi attraverso un’apposita app.

Vuoi sottoscrivere l’offerta più vantaggiosa per la seconda casa?

02 94 75 67 37

Manuale di istruzioni

Offerte gas seconda casa

Anche per le offerte gas esistono svariate tipologie di offerta fra cui scegliere:

  • FastClick Gas di Acea: prezzo bloccato per 12 mesi scegliendo tra tariffa monoraria e bioraria, con attivazione online e bolletta web e domiciliazione già incluse nell’offerta
  • Next Energy Gas di Sorgenia: propone il prezzo più basso per chilowattora nel mercato libero dell’energia, facendoti scegliere da quale fonte rinnovabile ricavarla, se eolico, fotovoltaico o idroelettrico. E’ dotata di un app disponibile su smartphone e tablet, che permette di monitorare consumi, autolettura.
  • 10×3 Gas di Iren: prezzo fisso bloccato per due anni con bonus di 30 euro da usufruire periodicamente. Possibilità di rimborso del deposito cauzionale.
  • Economy Web Gas di Estra: prezzo bloccato per 12 mesi. L’offerta attiva l’addebito su conto corrente e il servizio Bolletta Web.

Wekiwi : risparmiare sulle offerte luce e gas con un app

Da segnalare anche Wekiwi, primo operatore smart che ti fa risparmiare su luce e gas con un app per monitorare i consumi e farti scegliere la tua carica mensile (l’importo senza IVA che Wekiwi ti fatturerà in attesa delle letture del distributore di zona).

Prima di attivare un contratto, che sia per la fornitura di luce che di gas, Wekiwi ti sottopone a un questionario dove viene richiesto:

  • tipo di casa: se dimora abituale oppure seconda casa estiva e/o invernale e il suo consumo annuo ipotetico.
  • numero di locali: da un minimo di tre a oltre sei, comprese villette.
  • tipo di consumo: se l’energia viene utilizzata per cottura cibi, cucina e/o acqua calda e riscaldamento casa.

Una volta compilati tutti i campi necessari, si attiverà una schermata dove verranno proposte varie offerte per il miglior fornitore di energia elettrica per la seconda casa.

 

Allaccio luce: tutto quello che devi sapere

offerte seconda casaDopo aver scelto l’offerta per la fornitura di energia, il primo passo da compiere per chi decide di acquistare una seconda casa è richiedere un allaccio luce prima di poter attivare il contratto energetico.
E’ bene assicurarsi che nella nuova abitazione sia presente un contatore luce e di conseguenza la corrente elettrica.

Il tempo necessario per poter eseguire un allaccio richiede tra i venti e trenta giorni lavorativi per l’autorizzazione, che possono essere anche prolungati a due mesi a seconda delle zone. Diversamente, sarà per l’attivazione del contratto di fornitura, che richiede tempi rapidi.

Questi tempi di procedura si rivelano relativamente lunghi, poiché il distributore dovrà effettuare sopralluoghi tecnici che permetteranno di valutare la fattibilità della fornitura e le modalità del procedimento di allaccio. I tecnici, inoltre, dovranno stilare un preventivo di spesa che verrà poi inoltrato al richiedente.

Una volta autorizzati i lavori per l’installazione del contatore e il conseguente allaccio da parte del richiedente, si potrà procedere al pagamento delle spese di allaccio. Quest’ultima procedura richiede dai dieci ai sessanta giorni, un arco di tempo giustificato da motivazioni tecniche ben precise, legate alla rete elettrica della zona nella quale ci si deve allacciare e all’espletamento dei termini burocratici uguali per ogni fornitore.

Ulteriori ed esaustivi chiarimenti su allaccio luce, costi, tempi e procedure sono presenti sul sito Arera.

Chiama ora la per la tua offerta per la seconda casa!

Manuale di istruzioni

Redactor

Written by gaiav

Aggiornato su 6 Mag, 2020