Cambio fornitore luce: costi, tempistiche e procedure

Vuoi cambiare il tuo fornitore della luce?

Chiamata gratuita - Lunedì a venerdi - dalle 8:30 alle 19:00

Chiamaci ora!

Manuale di istruzioni

Sommario Il cambio fornitore è un’operazione che si richiede nel caso in cui si voglia chiudere il contratto con un gestore per aprirne uno con un altro, che magari offre tariffe più convenienti e economiche.

“Risparmierò denaro se cambio fornitore di energia?”  è una tra le domande più frequenti che si è soliti farsi quando si pensa ai propri consumi e ad un eventuale cambio fornitore luce. Ecco perché intendiamo guidarti nei principali passi da compiere in caso di cambio fornitore luce, spiegandoti le problematiche in termini di tempi, costi e procedure.

Costi e tempi per il cambio fornitore luce

  • Per quanto riguarda le tempistiche per il cambio fornitore, il vecchio gestore ha massimo 21 giorni lavorativi per comunicare la richiesta del cliente al nuovo.
  • Il costo invece, a meno che non previsto da clausole contrattuali, non sarà presente per il cliente. Quest’ultimo infatti dovrà pagare solamente un bollo o un deposito cauzionale se previsto, che può ammontare ad un massimo di 11,5 euro per ogni kilowattora.

Come effettuare il cambio di fornitore luce, i passi principali

Come cambio i fornitori di energia?

Ecco come funziona il processo di commutazione:

  1. Trova una bolletta energetica recente o usa lo strumento di stima messo a disposizione da numerose compagnie. Devi sapere chi è il tuo fornitore e quale tariffa stai utilizzando. Se non conosci il tuo consumo di energia, lo strumento lo stimerà per te.
  2. Esegui un preventivo e seleziona una tariffa. In pochi minuti vedrai quali fornitori e tariffe potrebbero farti risparmiare di più. Dopo aver selezionato la tariffa a cui passare, verrai indirizzato a una pagina di conferma. Ciò richiederà i dettagli di addebito diretto e le letture dei contatori. Ciò aiuta il nuovo fornitore a creare una nuova fattura e consente al vecchio fornitore di inviare una fattura finale.
  3. Controlla il saldo del tuo vecchio account. Se sei attivo al momento del passaggio, i soldi dovrebbero essere rimborsati automaticamente sul tuo account, ma vale la pena controllare il pagamento e inseguirlo se necessario. Allo stesso modo, tieni d’occhio eventuali pagamenti finali che possono essere arretrati dal tuo vecchio fornitore.
  4. Attendere circa tre settimane per il completamento del passaggio. Il passaggio è una procedura semplice che non richiede alcun ricablaggio o lavoro all’esterno della proprietà. In effetti, non dovresti notare alcuna differenza oltre alle bollette più basse. In genere sono necessari fino a 21 giorni per uno switch completo, che include il periodo di ““raffreddamento”” obbligatorio di due settimane, durante il quale è possibile scegliere di annullare lo switch gratuitamente.

Cambiare fornitore di energia è rapido e senza problemi: cerchiamo di evidenziare i passi principali.
Quanto alla procedura per il cambio fornitore luce, diciamo intanto che aiuta se hai una bolletta energetica recente a portata di mano, ma non preoccuparti se no, puoi comunque essere guidato attraverso il processo. L’avvio del processo di commutazione richiede pochi minuti e dovresti essere con il tuo nuovo fornitore entro 21 giorni. Non preoccuparti, in linea di massima non ci saranno interruzioni nella fornitura durante il passaggio e non ci saranno lavori intrapresi dentro o fuori casa.

Come confrontare i fornitori di energia

Ci sono più di 50 fornitori di energia in competizione per la tua attività, quindi è molto probabile che sarai in grado di risparmiare denaro cambiando. Ma con così tanti fornitori e tariffe tra cui scegliere, come puoi essere sicuro di ottenere l’offerta giusta per te?

Confrontare le tariffe energetiche è semplice: esistono strumenti in rete ove seguendo i seguenti passaggi puoi trovare facilmente la tariffa adatta a te. Basta:

  • Fornire alcuni dettagli su dove vivi, che tipo di carburante usi, quante persone vivono nella tua casa o appartamento e quando tende ad essere occupata.
  • Dopo aver inserito le informazioni, è facile e veloce ottenere una stima di come sarebbero le bollette energetiche se cambiassi fornitore.
  • Quando hai trovato un accordo di cui sei soddisfatto, puoi confermare il passaggio.
  • Infine, fornisci solo qualche dettaglio in più e poi inizia il processo di commutazione, che sarà completato entro pochi giorni.

Se sei un inquilino, puoi cambiare fornitore se lo paghi direttamente. Se il padrone di casa paga la fattura del tuo affitto, non sarai in grado di passare senza prima parlarne con loro, e dovranno effettuare il cambio da soli.

 

Vuoi cambiare il tuo fornitore luce?

02 94 75 67 37

Manuale di istruzioni

Suggerimenti per la commutazione del fornitore di energia

Il servizio clienti è un grosso problema, quindi potresti voler fare un po’ di ricerca online sul fornitore prescelto per vedere le opinioni altrui.
Alcune persone sono riluttanti a trasferirsi in un fornitore più piccolo con un marchio sconosciuto a causa del rischio che potrebbero andare in rovina. Ma è importante sapere che il regolatore del mercato dell’energia mantiene una rete di sicurezza in modo che, se un fornitore fallisce, i suoi clienti saranno trasferiti a un’altra società con una garanzia di nessuna perdita di fornitura di gas o elettricità.

Noterai anche che esistono diversi tipi di tariffa. Questi includono:

  • le tariffe in cui l’elettricità viene addebitata a una tariffa inferiore tra mezzanotte e le 7:00;
  • le tariffe cosiddette “verdi”, in cui il fornitore si impegna a sostenere la generazione di energia ecologica.

Più nel dettaglio:

  • Un accordo sulle tariffe “Economy” ha senso solo se si può essere certi che si utilizzerà energia pesantemente durante le ore a basso tasso, forse utilizzando i riscaldatori di stoccaggio e impostando la lavastoviglie e la lavatrice per funzionare durante la notte.
  • Con una tariffa ecologica, ottieni ancora lo stesso gas ed elettricità di tutti gli altri. Ma col vantaggio che l’energia verde sarà immessa nella rete, riducendo la dipendenza globale dai combustibili fossili.

Se stai cercando di cambiare fornitore di energia per la tua attività, dovresti ricordare che le tariffe energetiche commerciali e domestiche possono essere molto diverse.

 

Cambio fornitore luce: costo

Per quanto riguarda il costo del cambio fornitore luce, il nuovo servizio inizierà quando tutte le pratiche economiche saranno completate, ossia nel momento in cui vi siano tutte le condizioni tecniche per portare fisicamente il servizio presso l’immobile in questione e la parte burocratica sia stata completata.
Il nuovo fornitore si occuperà della disdetta del vecchio contratto. Così il cliente non rimarrà senza servizio, e il passaggio avverrà solo quando il nuovo operatore sarà pronto per la fornitura e l’attivazione del contratto. L’azienda ha l’obbligo di comunicare al cliente i tempi previsti per l’attivazione del servizio. Pochi giorni prima dell’attivazione sarà necessaria una nuova lettura del contatore per consentire al fornitore precedente di quantificare l’importo da saldare. Da quel momento l’utente pagherà i consumi al nuovo operatore.

Quali sono i costi per cambio operatore?

  • A meno che le condizioni contrattuali non prevedano diversamente, il cambio di operatore non presenta oneri rilevanti per il cittadino.
  • L’unico costo può essere attribuito forse per qualche bollo o un deposito cauzionale. In questo caso essendo stabiliti per legge possono raggiungere un massimo di 11,5 euro per ogni kilowatt e l’importo può essere rateizzato.
  • I depositi saranno restituiti a fine contratto. 

Cambio fornitore luce, le tempistiche

Tempistiche di cambio fornitore: massimo 21 giorni

Il sito web di Arera fornisce informazioni importanti sui tempi del cambio di fornitore. Dal 1° giugno 2016 tutte le procedure per il trasferimento da un nuovo fornitore saranno svolte dal Sistema Informativo Integrato (SII), la banca dati nazionale gestita da un soggetto ‘terzo’ rispetto ai diversi operatori del mercato, avviata dall’Autorità per rendere più trasparente ed efficiente lo scambio di informazioni tra chi opera nei settori dell’energia elettrica e del gas. Con la delibera 487/2015/R/eel l’Autorità aggiunge quindi un ulteriore elemento verso la piena implementazione del Sistema Informativo (dopo aver ad esempio già previsto dal prossimo 1° novembre la possibilità di effettuare le volture), per una migliore gestione dei rapporti contrattuali di sistema, improntata alla non discriminazione tra operatori, svincolando i mercati al dettaglio da barriere informative o vantaggi di posizione. Nel momento in cui il cliente deciderà di cambiare fornitore (il c.d. switching) si dovrà relazionare solo con il venditore, ma questo si rivolgerà non più al singolo distributore ma al SII, dove potrà realizzare l’operazione in tempi certi e definiti.

La nuova regolazione del mercato elettrico

Tra gli aspetti più rilevanti della nuova regolazione relativa al mercato elettrico (un processo che si svilupperà con fasi successive di test fino alla definitiva abilitazione del 1° giugno) c’è la radicale modifica dell’impostazione del mercato con l’attribuzione al SII (invece che all’impresa distributrice) della responsabilità di switching, sia in caso di cambio di fornitore che in caso di attivazione dei servizi di ultima istanza. Le tempistiche di switching vengono ridotte a tre settimane. Prima esse erano di circa un mese (la richiesta di switching con decorrenza il primo giorno del mese potrà essere formulata fino al giorno 10 di quello precedente). Le novità riguardano anche le modalità con le quali è reso effettivo, mediante il SII, lo scioglimento di un contratto di fornitura e l’attivazione, qualora ne ricorrano i presupposti, del servizio di ultima istanza.

Viene poi definito un unico processo, indifferenziato per tempistiche di esecuzione, anche nei casi in cui l’operatore che acquisisce il nuovo cliente decida di avvalersi del cosiddetto ““switching con riserva””. La deliberazione 487/2015/R/eel è disponibile sul sito www.autorita.energia.it.

Chiamaci per cambiare il tuo fornitore luce!

Manuale di istruzioni

Redactor

Written by gaiav

Aggiornato su 2 Giu, 2020

Commenti

star star star star star

Per saperne di più sul nostro processo di controllo e pubblicazione delle valutazioni